CHIEDI UN AIUTO

Coloro che temono di essere entrati in contatto con il virus dell’epatite C è bene che si rivolgano ad uno specialista in grado
di valutare il reale rischio di infezione. I medici a cui rivolgersi per un consulto sono il gastroenterologo,
l’internista o l’infettivologo. Solo il medico potrà valutare se è il caso di fare degli esami del sangue utili ad individuare la presenza del virus nell’organismo. Un gruppo di medici specialisti, inoltre, è a disposizione per fornire consulenze online a tutti coloro
che temono di essere entrati in contatto con il virus o hanno necessità di chiarire i propri dubbi sull’epatite C.

 

HAI IL DUBBIO DI ESSERE ENTRATO IN CONTATTO CON IL VIRUS?

Se credi di essere entrato in contatto con il virus dell’epatite C, è bene rivolgerti ad un medico esperto in epatite C (puoi individuarlo tra gastroenterologo, internista o infettivologo) che, dopo una prima valutazione, deciderà se sottoporti agli esami del sangue utili ad individuare la presenza del virus

I RISULTATI DEI TEST PER L’HCV SONO POSITIVI?

Se i risultati dei test sono positivi è opportuno approfondire il quadro. Nei pazienti in cui è stata diagnosticata la malattia, lo specialista prescriverà una valutazione del grado di danno epatico (fibrosi o cirrosi). Le metodologie di esame sono diverse: biopsia epatica o metodi non invasivi 1. La biopsia epatica viene effettuata in ambiente protetto in ospedale ed è necessaria per avere un quadro preciso dell’entità del danno epatico. L’esame consiste nel prelievo di un piccolo campione di tessuto del fegato. Una tecnica non invasiva è il Fibroscan o elastografia epatica, utilizzata a parziale sostituzione della biopsia in alcuni Centri specializzati. Si tratta di un esame semplice e rapido che permette di avere una stima attendibile del grado di rigidità del fegato, comparabile con il grado di fibrosi epatica. Si basa sull’utilizzo degli ultrasuoni 2, 3.

1World Health Organization. Hepatitis C Fact Sheet 2012 www.who.int/mediacentre/factsheets/fs164/en/ Ultimo accesso Marzo 2015.
2Epatite C. L’informazione ti protegge. A cura dell’Associazione EpaC Onlus http://www.sosfegato.it/camo/onlus/all/EpatiteC.pdf Ultimo accesso Dicembre 2014.
3Wong GL. Gastroenterol Rep (Oxf). 2013 Jul;1(1):19-26.