CONOSCI L’EPATITE C

GLOSSARIO:CONOSCERE L’EPATITE C ATTRAVERSO LE PAROLE PIU UTILIZZATE.

In questa sezione trovi i termini più frequenti collegati all’epatite C  e le loro definizioni.

ALT o GPT 34: alanina aminotransferasi, o transaminasi glutamico-piruvica, è un enzima presente in quantità elevate nel fegato, coinvolto nel metabolismo degli amminoacidi. Il dosaggio dell’ALT viene utilizzato per la diagnosi di danni epatici acuti, per il monitoraggio delle epatiti croniche e per differenziare l’ittero emolitico da quello dovuto a danno epatico.

AST o GOT 35: aspartato aminotransferasi, o transaminasi glutamico-ossalacetica, è un enzima presente in tutti i tessuti, coinvolto nel metabolismo degli amminoacidi. Viene rilasciato a seguito di danno o morte delle cellule. Il dosaggio di questo enzima viene utilizzato in genere in associazione a quello dell’ALT per rilevare il danno epatico da qualsiasi causa.

Carcinoma epatico: prima complicanza e la più importante causa di morte nei pazienti con cirrosi da HCV 36. Il rischio di decesso in questi pazienti è pari al 33% nel corso del primo anno37.

Cirrosi: risultato di un processo di continuo danno e riparazione del parenchima epatico con formazione di ponti fibrosi tra le unità elementari che costituiscono il fegato: i lobuli38. Dopo anni di infezione il fegato sviluppa una serie di cicatrici che sostituiscono le cellule epatiche non più in grado di funzionare normalmente. Il risultato finale è la distruzione della normale architettura del fegato che finisce per interferire con il flusso sanguigno. Questa degenerazione comporta inoltre un’alterazione nella struttura delle cellule, dei vasi sanguigni e delle vie biliari con una riduzione progressiva della normale attività dell’organo39.

Epatite acuta 40, 41: condizione a breve termine che si manifesta nei primi 6 mesi dal contagio arrivando o a guarigione completa del danno epatico, con ritorno alla normale funzionalità e struttura del fegato, o a un peggioramento del danno acuto fino alla necrosi estesa e ad un esito nefasto.

Epatite cronica 42: processo infiammatorio persistente che dura più di 6 mesi. È l’evoluzione della malattia che si manifesta quando l’organismo non riesce ad eliminare il virus nei 6 mesi successivi all’infezione.

Fibrosi 43: deposizione di tessuto cicatriziale in assenza di trattamento.

Genotipo virale 44: variante genetica dello stesso virus.

HCV 45, 46: virus appartenente alla famiglia delle Flaviviridae (virus a RNA) ed è l’unico rappresentante del genere Hepacivirus. Nel 1989, il gruppo di ricerca di Michael Houghton ha scoperto l’HCV, il virus legato alle infezioni “trasfusioni-associate”, o virus delle epatiti “non-A, non-B”. L’HCV può eludere il sistema immunitario dell’ospite e stabilire un’infezione cronica spesso asintomatica, che può portare all’insufficienza epatica, all’HCC e al decesso del paziente. Il virione dell’HCV è un virus ad RNA a filamento singolo, rivestito da un nucleocapside che è formato da un core proteico e che incapsula l’RNA genomico.

Prevalenza 47: numero degli eventi verificatisi in una determinata popolazione durante un determinato periodo.

Transaminasi 48: enzimi che durante le fasi di infezione acuta e d’infiammazione epatica vengono rilasciati nel sangue, in elevate quantità, dalle cellule del fegato. Un aumento di questi enzimi costituisce un importante campanello d’allarme per la salute del fegato, sebbene non sia un sinonimo di malattia.

 

34 Esami di laboratorio. Ospedale Niguarda Ca’ Granda. Scheda esame: aspartato aminotransferasi. http://esamilaboratorio.ospedaleniguarda.it/indice/detail/48 Ultimo accesso Marzo 2015.
35 Esami di laboratorio. Ospedale Niguarda Ca’ Granda. Scheda esame: aspartato aminotransferasi. http://esamilaboratorio.ospedaleniguarda.it/indice/detail/48 Ultimo accesso Marzo 2015.
36 Esami di laboratorio. Ospedale Niguarda Ca’ Granda. Scheda esame: aspartato aminotransferasi. http://esamilaboratorio.ospedaleniguarda.it/indice/detail/48 Ultimo accesso Marzo 2015.
37 Chen SL et al. The Natural History of Hepatitis C Virus (HCV) Infection. Int J Med Sci 2006;3(2):47-52
38 European Association for the Study of the Liver. Clinical Practice Guidelines: Management of hepatitis C virus infection. Journal of Hepatology. 2014; 60: 392 -420.
39 Enciclopedia online http://www.treccani.it/enciclopedia/cirrosi/ Ultimo accesso Marzo 2015.
40 United States Department of Veterans Affairs. Fibrosis and cirrhosis. 2013 http://www.hepatitis.va.gov/patient/basics/fibrosis-cirrhosis.asp Ultimo accesso Marzo 2015.
41 Centers for Disease Control and Prevention. Hepatitis C FAQs for Health Professionals. 2012. http://www.cdc.gov/hepatitis/HCV/HCVfaq.htmUltimo accesso Marzo 2015.
42 Centers for Disease Control and Prevention. Hepatitis C: General Information. 2010 http://www.cdc.gov/hepatitis/hcv/pdfs/hepcgeneralfactsheet.pdf Ultimo accesso Marzo 2015.
43 Chen SL et al. The Natural History of Hepatitis C Virus (HCV) Infection. Int J Med Sci 2006;3(2):47-52.
44 United States Department of Veterans Affairs. Fibrosis and cirrhosis. 2013 http://www.hepatitis.va.gov/patient/basics/fibrosis-cirrhosis.asp Ultimo accesso Dicembre 2014.
45 Glossario http://www.operapadrepio.it/it/epatologia/59-epatologia/3244-glossario.html Ultimo accesso Marzo 2015.
46 World Health Organization. Global Alert and Response (GAR): Hepatitis C. 2003. http://www.who.int/csr/disease/hepatitis/whocdscsrlyo2003/en/index2.html Ultimo accesso Marzo 2015.
47 Wikipedia – Michael Houghton http://en.wikipedia.org/wiki/Michael_Houghton_%28scientist%29 Ultimo accesso Marzo 2015.
48 Enciclopedia online http://www.treccani.it/enciclopedia/prevalenza/ Ultimo accesso Marzo 2015.