CONOSCI L’EPATITE C

CHE COS’È L’EPATITE C?

L’epatite C è una malattia infettiva che colpisce il fegato causata dal virus HCV1. Il virus determina infiammazione e formazione di tessuto cicatriziale nel fegato2. Si moltiplica prevalentemente nelle cellule epaticheevolvendo nella maggior parte dei casi in epatite cronica, fibrosi, cirrosi, carcinoma epatico. La scoperta del virus dell’epatite C e con esso la definizione del primo test valido per la sua individuazione appartengono alla storia recente, risalendo al 1989. A differenza delle epatiti A e B, a tutt’oggi non è disponibile alcun vaccino4.

 

 

1. Sintomatologia dell’epatite C

Il più delle volte la malattia non mostra sintomi (in alcuni si manifestano dopo circa 30 anni dall’infezione5), e per questo motivo molte persone ignorano di esserne affette. Circa l’80% delle persone infette non sa di esserlo, poiché non percepisce alcun segnale di allarmetale da suggerire una visita specialistica e i test necessari alla diagnosi. L’infezione si trasmette quando del sangue infetto entra nel circolo ematico della personasana. Non esistono altre vie di trasmissione dell’epatite C. Avvenuta la trasmissione e trascorse 2 settimane, il virus HCV inizia a moltiplicarsi8.

 

 

2. Decorso dell’epatite C

Come per ogni malattia, a seguito dell’infezione e con il suo progredire, il sistema immunitario si attiva per bloccare il virus: salvo alcuni casi, nella maggior parte delle persone infettate, il virus dell’epatite C elude il sistema immunitario. La trasmissione dell’epatite C porta a sviluppare entro i primi 6 mesi dall’infezione un’epatite acuta, una forma di epatite C che può variare in termini di gravità da una malattia senza o con pochi sintomi ad una condizione tanto grave da necessitare il ricovero in ospedale9. Per ragioni non note, il 15-25% delle persone infette debella il virus senza aver bisogno di terapie. Superati i 6 mesi dal contagio, l’HCV diventa un’infezione cronica10.

 

 

3. L’epatite C cronica

L’epatite C cronica colpisce a livello mondiale circa 160 milioni di persone11 e si stima che ogni anno il virus HCV contagi dai 3 ai 4 milioni di individui . In Italia, che risulta essere il Paese dell’Europa Occidentale con il maggior numero di persone con epatite C, si stima che siano malate circa 1 milione di persone, con una prevalenza di circa il 2% della popolazione che aumenta da nord a sud e con il crescere dell’età13. L’assenza di sintomi evidenti è una delle ragioni alla base della sua diffusione e del ritardo diagnostico, con tutte le conseguenze legate al peggioramento complessivo delle condizioni di salute del paziente e anche al suo decesso. Nel corso del tempo, infatti, può portare a gravi problemi, tra cui danni al fegato, cirrosi, insufficienza epatica o epatocarcinoma14. Numerosi dati epidemiologici, inoltre, correlano l’infezione da HCV a problematiche extra epatiche quali diabete di tipo 2, linfoma di Hodgkin, glomerulonefrite e ictus, crioglobulinemia 15,16.

 

 

4. I principali genotipi dell’epatite C

Sono 7 i principali genotipi dell’epatite C (GT1-7) e per ciascuno sono stati identificati ampio numero di sottotipi (denominati con le lettere dell’alfabeto) , distribuiti nel mondo con prevalenze diverse18. L’appartenenza ad un genotipo piuttosto che ad un altro determina una diversa risposta al trattamento19. Le analisi del sangue consentono di rilevare il genotipo del virus dell’epatite C. È sufficiente un solo prelievo poiché il genotipo non muta nel tempo20. Mentre i diversi genotipi e sottotipi condividono caratteristiche biologiche e patogenetiche di base, differiscono in termini di risposta al trattamento, di decorso e severità (seppure quest’ultimo aspetto non sia ancora del tutto chiaro)21. L’individuazione del genotipo consente l’impostazione della terapia. In Italia, che risulta essere il Paese dell’Europa Occidentale con il maggior numero di persone con epatite C, sono presenti principalmente i genotipi 1a e 1b22.

 

1Centers for Disease Control and Prevention. Hepatitis C_ General Information. 2010 http://www.cdc.gov/hepatitis/HCV/PDFs/HepCGeneralFactSheet.pdf Ultimo accesso Marzo 2015
2World Health Organization. Global Alert and Response (GAR): Hepatitis C. 2003. http://www.who.int/csr/disease/hepatitis/whocdscsrlyo2003/en/index1.html Ultimo accesso Marzo 2015.
3European Association for the Study of the Liver. Clinical Practice Guidelines: Management of hepatitis C virus infection. Journal of Hepatology. 2014; 60: 392 -420.
4World Health Organization. Hepatitis C Fact Sheet 2012. http://www.who.int/mediacentre/factsheets/fs164/en/ Ultimo accesso Marzo 2015 Centers for Disease Control and Prevention. Hepatitis C_ General Information. 2010.
5Centers for Disease Control and Prevention. Hepatitis C_ General Information. 2010 http://www.cdc.gov/hepatitis/HCV/PDFs/HepCGeneralFactSheet.pdf Ultimo accesso Marzo 2015.
6European Association for the Study of the Liver. Clinical Practice Guidelines: Management of hepatitis C virus infection. Journal of Hepatology. 2014; 60: 392 -420.
7World Health Organization. Global Alert and Response (GAR): Hepatitis C. 2003. http://www.who.int/csr/disease/hepatitis/ whocdscsrlyo2003/en/index1.html Ultimo accesso Marzo 2015.
8World Health Organization. Hepatitis C Fact Sheet 2012http://www.who.int/mediacentre/factsheets/fs164/en/ Ultimo accesso Marzo 2015.
9Centers for Disease Control and Prevention. Hepatitis C_ General Information. 2010.http://www.cdc.gov/hepatitis/HCV/PDFs/HepCGeneralFactSheet.pdf
10Hepatitis C: Understanding the Silent killer. European Liver Patients Association. http://www.elpa-info.org/tl_files/elpa_downloads/2012/ELPA-HepC_Booklet2012-FINAL-small.pdfUltimo accesso Marzo 2015
11Lavanchy D. Evolving Epidemiology of hepatitis C virus Clin Microbiol Infect. 2011; 17(2):107-15.
12World Gastroenterology Organization. World Gastroenterology Organization Global Guidelines: Diagnosis, Management and Prevention of Hepatitis C. April 2013. http://www.worldgastroenterology.org/assets/export/userfiles/ WGO_Hepatitis%20C_Final%20Version.pdf
13Epidemiologia dell’HCV. Sito dell’Associazione EpaC Onlus. http://www.epatitec.info/default.asp?id=743Ultimo accesso Marzo 2015
14Centers for Disease Control and Prevention. Hepatitis C_ General Information. 2010.http://www.cdc.gov/hepatitis/HCV/PDFs/HepCGeneralFactSheet.pdf
15Centers for Disease Control and Prevention. Hepatitis C_ General Information. 2010.http://www.cdc.gov/hepatitis/HCV/PDFs/HepCGeneralFactSheet.pdf
16 Hepatitis C virus infection and incident type 2 diabetes. Mehta SH, Brancati FL, Strathdee SA, Pankow JS, Netski D, Coresh J. Szklo M, Thomas DL. Hepatology 2003; 38:50-6.
17Does hepatitis C virus infection increase risk for stroke? A population-based cohort study Liao CC, Su TC, Sung FC, Chous WH, Chen TL PLoS One 2012; e31527.
18European Association for the Study of the Liver. Clinical Practice Guidelines: Management of hepatitis C virus infection. Journal of Hepatology. 2014; 60: 392 -420.
19González-Candelas F. Recombination in Hepatitis C Virus. Viruses 2011, 3, 2006-2024.
20 Gut. Treating viral hepatitis C: efficacy, side effects, and complications. 2006 September; 55(9): 1350 -1359. http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC1860034/ Ultimo accesso Marzo 2015.
21Centers for Disease Control and Prevention. Hepatitis C FAQs for Health Professionals. 2012. http://www.cdc.gov/hepatitis/hcv/hcvfaq.htm#d4. Ultimo accesso Marzo 2015
22González-Candelas F. Recombination in Hepatitis C Virus. Viruses 2011, 3, 2006-2024.
23Il virus HCVhttp://www.epatitec.info/default.asp?id=843 Ultimo accesso Marzo 2015.